QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

mercoledì 17 maggio 2017

NOTTE ROSA A RISCHIO?

A leggere il Corriere Adriatico di oggi, che parla di "speranze di poterla realizzare  ridotte al lumicino" la Notte Rosa del 24/6/2017 sembra a forte rischio a seguito di un problema contrattuale con la società che da sempre la organizza (la Eventi Live).
Una rottura inaspettata a sei settimane dall'evento che, secondo la prevista pianificazione, doveva svolgersi il 24/6.
Ora la palla dovrebbe passare ai commercianti e alla nostra Amministrazione Comunale. Che qualora non riuscisse a ricucire lo strappo con la Eventi Live, dovrebbe curare insieme agli stessi commercianti l'intero evento, assumendone anche i rischi di impresa.

La cosa che trovo curiosa a questo punto è che gran parte degli eventi pubblicizzati con quella orrenda struttura in metallo eretta all'altezza della Diaz o non si sono realizzati (Foto Ama per come era stato concepito) o rischiamo di saltare (La Notte Rosa).

Nel contempo abbiamo letto nei giorni scorsi del Presidente dell'Ente Palio che, si presume per stanchezza, dopo molti anni alla guida di quel sodalizio vorrebbe lasciare. 
Ne deduciamo che anche l'organizzazione del Palio e di tutti gli eventi connessi non stia conoscendo giornate rosee.

Se entrambi gli eventi (Notte Rosa e Palio) dovessero saltare, temo che per la nostra amministrazione sarebbe uno smacco insopportabile.

 

7 commenti:

  1. È la solita manfrina per giocare al rialzo, il grande manager alla fine incassa e porta a casa un bel gruzzolo, e detto da una voce fuori dal coro ,se non si facesse io e molti altri ne saremmo felici!

    RispondiElimina
  2. Per la Notte Rosa....peccato!
    Per il Palio......una fine preannunciata da anni!

    RispondiElimina
  3. Dimostrazione del totale disinteresse dell'amministrazione per il turismo. Non so se sarebbe uno smacco insopportabile perché non mi sembra che faccia molto per migliorare le cose e a questo punto nemmeno per mantenere lo status quo. Decadenza inarrestabile, povero Porto!

    RispondiElimina
  4. Pure questa e col cavolo ke la gente viene al Porto!! St'amministrazione pareva che faceva tutto lei ma all atto pratico ke delusione!!! A parte questo evento, basta guardare l erbaccia in giro, le buke,la sporcizia....tt il mondo è paese!

    RispondiElimina
  5. Hurrahhh !!! e' solo una manifestazione per giovani !! ahahahahahh :) :) :) :D

    RispondiElimina
  6. Ma non c'è un russo che caccia un po' di... rubli? Magari assicurandogli una opzione sul Burchio. Comunque basta con questa continua imitazione del modello riminese (ormai in disuso).

    RispondiElimina
  7. Sinceramente non so quanto ricavino i commercianti dalla notte rosa ma se fosse più la spesa che l'impresa, e considerato come il Comune tiene la città, beh io non darei un euro!

    RispondiElimina