QUESTO E' UN BLOG "DI PANCIA", SIA CHIARO


Questo blog non è una testata giornalistica ed è aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Gli autori, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Lo stesso per i siti che forniscono dei link alle risorse qui contenute. Il fatto che questo blog fornisca questi collegamenti non implica una tacita approvazione dei contenuti dei siti stessi, sulla cui qualità, affidabilità e grafica è declinata ogni responsabilità. Gli autori dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi agli autori, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Gli autori del blog si riservano il diritto di rimuovere senza preavviso e a loro insindacabile giudizio commenti che risultino offensivi, volgari, blasfemi, inutili, altamente provocatori o che abbiano contenuti di natura pubblicitaria. Inoltre, gli autori non sono in alcun modo responsabili del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità.

giovedì 18 maggio 2017

CASO PARCHEGGIO DISABILI: BOTTA E RIPOSTA CON UPP (E INTERVENTO ARGANO)

Allora,  proviamo a ricapitolare. Per dare la corretta visibilità a tutti, pubblico sotto la risposta della Ubaldi pervenutami ieri sera al primo comunicato di UPP.

Poi, di seguito, pubblico la risposta che UPP ha ridedicato alla Ubaldi e mi è pervenuta proprio ora.

Poi, ancora sotto, pubblico delle mie considerazioni.

UBALDI IERI:

Sono fuori città fino a domani pomeriggio e ho letto che upp ha evidenziato che sabato pomeriggio ho parcheggiato su un posto riservato agli invalidi. Primo me ne dispiaccio molto per aver scambiato quel posto riservato agli invalidi per un posto riservato al carico e scarico. Poiché sono passata alla conferenza sulle vaccinazioni alla Diaz per mezz'ora, nella fretta mi era sembrato di vedere il simbolo del carico e scarico e non ho fatto minimamente caso al cartello subito a nord. Al rientro verifichero'. Vedo che sono molto controllata e quindi sarà facile per chiunque controllare che metto sempre il ticket e parcheggio sempre al meglio. Io non ho mai detto di essere perfetta e come tutti gli esseri umani posso sbagliare. Mi preoccupa però constatare che sono controllata al limite dello stalkeraggio e fa un altro verso mi tranquillizza. Con tanti controlli posso essere sicura nei miei spostamenti. Addirittura fatte le indagini (chissà chi ha suggerito dati in possesso della motorizzazione civile o comunque non così facilmente reperibili come la proprietà sigh!!) . Ma mi preoccupa ancora di più chi, anziché chiamare i vigili urbani e far rilevare l'infrazione che avrei pagato senza esitazione aggiungendo le scuse, si preoccupa prima di reperire informazioni sulla proprietà  (chissà come è cosa c'entrava visto che avevano appurato che l'autore del "misfatto" ero io )  e poi pubblica foto nascondendo la targa (mi sembra intelligente dopo aver detto il proprietario) e ne fa un comunicato stampa urbi et orbi. Mi preoccupa lo stato di salute di chi si diverte cosi. Potevate e dovevate  esercitare un diritto/dovere di far sanzionare una infrazione anche con la decurtazione dei punti dalla patente.  La realtà è che non l'avete esercitato. E questo non vi fa onore di sicuro. E mi fermo qui. Buona vita ragazzi upp.  Sbagliare capita a tutti!
Rosalba Ubaldi 


UPP oggi:

VOGLIAMO RISPOSTE, NON GIUSTIFICAZIONI

 

Siamo rimasti stupefatti nel leggere la risposta del vice sindaco Ubaldi a quanto denunciato dal nostro gruppo, così come la levata di scudi in sua difesa alzata da alcuni commentatori. Si sono usate parole come “persecuzione”, “stalking”, “pedinamento”, “accanimento non riconducibile alla politica”, fino alla citazione biblica del nostro Sindaco “Chi è senza peccato, scagli la prima pietra”. Ancora una volta, è chi denuncia un fatto esecrabile a venire “condannato”, invece dell’autore.

Vogliamo tranquillizzare tutti, nessuno di noi impegna il suo tempo in azioni di stalking o pedinamento: d’altronde, si può parlare di “pedinamento” di fronte a una tanto palese violazione del Codice della Strada avvenuta nel pieno di un sabato pomeriggio, sul Corso principale della città?

Nessuno, e ripetiamo nessuno, di questa Amministrazione, o dei "difensori" della distratta e perseguitata signora Ubaldi si è posto una domanda. Perché? 

Eppure il post era abbastanza chiaro, ribadendo che tra le violazioni al CdS, parcheggiare in un posto riservato ai disabili è la più odiosa;costatando che per il nostro vice sindaco pagare i ticket regolarmente è un atto da sottolineare e non l'obbligo di ogni cittadino, considerando che per lei parcheggiare in un posto adibito alle operazioni di carico e scarico è regolare: l'idea che questo post servisse ad avere una risposta sul livello di degrado che sta raggiungendo la nostra città non li ha sfiorati affatto

Lo ribadiamo, sono all’ordine del giorno parcheggi selvaggi - automobili in doppia fila tanto da limitare la regolare circolazione, altre lasciate vicino all’arenile, stalli “fai da te” - senza che nessuno controlli, sacchetti dell'immondizia gettati fuori dei  bidoni e rifiuti ingombranti posti su prati o lungi i marciapiedi, specialmente nelle aree periferiche

Ubaldi ha scritto che l’infrazione avrebbe dovuto essere segnalata ai vigili urbani, gli stessi che, anche a causa della carenza di organico, non riescono a star dietro alle segnalazioni dei cittadini. A questo proposito, poi, sorge spontanea una domanda: una volta arrivati i vigili e costatata la proprietà dell’auto, la multa sarebbe arrivata? Si vuole negare il fatto che sotto la tranquillità nel parcheggiare dove non si può ci sia anche la certezza dell’impunità?

Ci dicano il Sindaco ed il suo vice o i loro assessori cosa vogliono fare di questa città, magari iniziando loro a dare il buon esempio e lasciando da parte l’arroganza o giustificazioni come quelle addotte, “la distrazione”, o l’inaccettabile “Così fan tutti”.

Il Sindaco scrive "Chi è senza peccato scagli la prima pietra", ma chi amministra una città, prima di pretendere rispetto, lo deve dare.

 

Uniti per Porto Recanati



L'ARGANO  OGGI:


Anche io vorrei dire un paio di cose sul "caso parcheggio Ubaldi"


La prima: si tranquillizzi Rosalba, non siamo in uno stato di polizia. Non ci sono persone che dedicano il loro tempo in attività investigative svolte a colpi di teleobiettivo contro la sua persona.  Siamo semplicemente nell'era dei Social Network. Questi strani, potenti mezzi, addirittura usati da capi di stato per comunicare. Ebbene sì: queste finestre aperte sul quotidiano e su tutto ció che ci circonda, consentono anche ad ogni cittadino di esercitare un diritto democratico di denuncia di antichi vizi italici. A prescindere se siano stati compiuti dolosamente o colposamente.

La rete è questa.

Se domani l'auto in quel posto la dovessi parcheggiare io, avrei parimenti la fila di persone che mi farebbero la foto. E mi sputtanerebbero più o meno così: 

"L'Argano ce le suona e ce le canta, ma poi guardate dove parcheggia senza averne diritto"


Per cui, e questo deve essere chiaro, in un paesello dove ci si conosce tutti, dove si conoscono corsi e viuzze  e dove tu hai l'onere  e l'onore di fare il vice sindaco, quando parcheggi per il Corso ti è come minimo richiesto di alzare il livello di attenzione. 

Soprattutto verso la più odiosa delle infrazioni del codice della strada, che la Cassazione, in una estensione della norma, ha inquadrato addirittura in reato penale.


La seconda cosa che vorrei dire è questa: io odio questo minimalismo che i vari fans di turno dedicano alla rea (o vittima, a seconda della maglietta da tifoso che si vuole indossare). 

Si, questo ridurre il tutto a dei "e adesso cosa avrà mai fatto di male" in una infrazione del genere mi urta e lo detesto.

Perchè è un minimalismo che porta al lento degrado etico. Ad una inciviltà sempre più prossima.

Se iniziamo a giustificare certi atti, se li minimizziamo, appunto, dovremo essere pronti a tollerare il fatto che sabato prossimo un altro nostro concittadino o un nostro ospite parcheggerà nello stesso punto senza averne diritto. E se qualcuno dovesse azzardarsi  a fargli notare che sta sbagliando, ci risponderà: "se lo fa il vice sindaco va bene e se lo faccio io fate tutto questo casino?"


È questo creare precedenti indossando la inopportuna maglietta del tifoso a prescindere,  che mi dà fastidio.


A tal proposito, se fossi colui che cura la comunicazione del nostro governo cittadino, consiglierei alla Ubaldi di chiamare l'Ufficio dei Vigili, mi farei riferire a quanto ammonta un divieto di sosta su parcheggio riservato a portatori di handicap e verserei il corrispettivo in beneficienza ad associazione che si occupa della cura dei diversamente abili.


Rimarcando inequivocabilmente il messaggio che certe cose non si devono fare. E se anche si dovessero fare per sbaglio o per distrazione, se ne risponde a livello pecuniario e morale.


Perchè qui parliamo di etica, di buon esempio, di virtuosità.

E parliamo del fatto che quel parcheggio, al disabile, lo dobbiamo garantire disponibile.


Senza se e senza ma.


L'ARGANO


 

 



34 commenti:

  1. sbaglio o il reato penale è perseguibile anche se non c è la flagranza di reato?
    facciamo finta di niente?

    RispondiElimina
  2. Ci meravigliamo per il mancato rispetto del codice dalle strada da chi contravviene una dura sentenza del CdS che la investe personalmente? Ma sai quanto gliene frega, nemmeno se lo pone il problema del parcheggio. Poi il tutto per passare mezz'ora alla conferenza sulle vaccinazioni, giusto per farsi vedere. Bisognava pensarci prima di presentare le liste, ora ce la teniamo per altri quattro anni, almeno.

    RispondiElimina
  3. Argano tu sei troppo buono. Io la Ubaldi la sbatterei in galera e butterei la chiave nella fossa delle Marianne. Così l'anonimo delle15.31 sarà contento. A proposito perché la denuncia non la fa lui ma è mia impressione che se la faccia sotto al solo pensiero. A proposito come avrà fatto Upp a sapere che la macchina è intestata al marito della Ubaldi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il servilismo non conosce confini i servi non sanno che cosa sia la vergogna

      Elimina
  4. gioacchino di martino18 maggio 2017 19:37

    Argano d’accordo. La sindaca emerita Ubaldi ha fatto una cazzata in linea con il suo carattere che si identifica con il motto del Marchese del Grillo e che caratterizza il comportamento della giunta Ubaldi/Mozzicafreddo. E allora che vogliamo fare? Allestiamo il patibolo di fonte Palazzo Volpini o le opposizioni presentano una mozione in cui chiedono che la vice sindaco svolga lavori socialmente utili per una o più settimana, magari facendo l’ausiliaria del traffico e multando chi si parcheggia nei posti riservati ai diversamente abili o che frequenti un corso di aggiornamento sul codice della strada? O più semplicemente, se reato è stato commesso ed è ancora perseguibile, il responsabile della Polizia Locale proceda di Ufficio perché ormai la notizia di reato è di dominio pubblico. Se nulla di queste opzioni, o altre che potrebbero essere suggerite, viene praticata prendiamo atto che c’è una amministratrice scorretta, che non sa leggere i segnali stradali e che, se non stesse a Porto Recanati, si sarebbe dovuta dimettere a furor di popolo. Ma così non è e non sarà.
    Alla luce di quanto detto io non mi permetto di giudicare nessuno ma mi limito ad esprimere una considerazione: con tanti problemi che ci sono in città non sarebbe più producente investigare sulle responsabilità di chi ha sempre ricoperto un ruolo di primo piano nelle scelte fatte dalle precedenti amministrazioni? Non ultimo è di ieri l’ennesima denuncia sulle condizioni in cui versa Santa Maria in Potenza. Le cose scritte sono frutto di una sbornia di inizio estate o sono cose vere? Ecco io sono fermamente convinto che sono temi come questi che una opposizione deve chiamare a rispondere una maggioranza imbelle, quale quella che io credo ci governi, e non semplicemente fatti, importantissimi quanto si vuole, riconducibili al gossip.
    Un’ultima annotazione: ma qualcuno si è chiesto il perché di quella presenza ad un convegno organizzato da un partito, che a detta del suo neo segretario, è in fase di riflessione sulla giunta o se già in atto un incestuoso e nascosto rapporto?
    F.to Gioacchino Di Martino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gioacchino, penso tu abbia letto molto superficialmente il mio commento. Altrimenti ti saresti accorto che io ho parlato di due questioni (effetto dei Social e il problema di non minimizzare certi aspetti) ed ho fornito al Vice Sindaco una possibile via di uscita elegante da questa storia. Per cui il tuo scritto lo trovo fuori contesto da quanto io ho rappresentato.

      Elimina
    2. Il signor Di Martino scrive tante parole più o meno condivisibili, per poi finire con la classica insinuazione di complotto da testata giornalistica dissipata.Chissà che ci faceva ilvicesindaco che ha lavorato una vita nella Sanità ad un convegno Sui Vaccini? Quale oscuro complotto con il Pd starà tramando?ah ah ah

      Elimina
  5. Per la vice-sindaca: risalire alla proprieta' di un veicolo e' semplicissimo, basta versare qualche e fare una visura al Pubblico Registro Automobilistico. Non serve avere amici introdotti in qualche ufficio amministrativo che vadano a spulciare i documenti nottetempo.

    RispondiElimina
  6. mamma mia, con tutti i problemi che ha questo paese e questa amministrazione, attaccare un amministrstore solo perche' ha parcheggiato male mi sa tanto di uno scadere. ma poi dico " chi e' senza peccato scagli la prima pietra".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo, il classico commento demente e minimalista è puntualmente arrivato. Ma lo sai leggere i post?

      Elimina
    2. Qualcuno più quotato di te ha già detto questa frase!

      Elimina
  7. Ripeto la domanda per l'anonimo delle 7.11 : Cosa bisogna versare e a chi per fare una visura del PRA ? Non è per caso che qualcuno a pagato per risalire al proprietario della macchina utilizzata giornalmente dalla Ubaldi?

    RispondiElimina
  8. Michele Bianchi19 maggio 2017 17:38

    Credo di dover essere l'ultimo a commentare criticamente l'operazione "sputtanamento" compiuta nei confronti della Ubaldi. La vice-sindaco ha fatto un errore madornale di cui vergognarsi e sono d'accordo con l'Argano nella soluzione proposta per provare a compensare la violazione del CdS. Rimane però esecrabile la condotta tenuta da quelli di Upp, che hanno chiaramente compiuto una violazione della privacy della Ubaldi e di suo marito, in barba al D. Lgs. 196/03. Tutto un ca@@o che oscurate la targa se poi indicate proprietario e conducente del veicolo, anzi, fate risparmiare ai curiosi la fatica di andare al PRA e quei 7/8 euro di visura. Insomma attenzione al messaggio che si propina con questo post e all'utilizzo che si fa di un social. La critica politica e la censura di comportamenti illeciti va bene, ma mettere al pubblico ludibrio i dati sensibili di un individuo è e rimane sempre una violazione di legge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La verità non è ludibrio, chi si sente violato si tuteli a norma di legge.non spostiamo l 'attenzione su aspetti secondari.

      Elimina
    2. La verità tu non sai nemmeno cosa sia e neanche le leggi.Tu sei il classico ignorante da web, che deve sfogare le sue frustrazioni su qualcuno, non importa se innocente o colpevole, l'importante è rifugiarsi po' della tua bava sugli altri!

      Elimina
    3. Michele Bianchi19 maggio 2017 21:13

      caro anonimo delle 19:18 mi piacerebbe sapere chi tu sia per poter distinguere ciò che è primario da ciò che è secondario. Ma da anonimo si gioca meglio vero?

      Elimina
    4. Non è importante chi li dice,contraddite i fatti con argomentazioni valide restando sul merito,non serve sapere chi io sia,le idee camminano sulle loro gambe,almeno quelle che stanno in piedi.

      Elimina
    5. Michele Bianchi20 maggio 2017 09:38

      E chi sei Gandhi? Io non ho contraddetto nessun fatto, ho solo fatto presente che è stata violata la privacy di una persona. Tra le due condotte (divieto di sosta e violazione privacy) il nostro legislatore considera assai più grave la seconda. Adesso che mi dici eroe delle idee sulle gambe?

      Elimina
    6. ti rispondo:intanto non so chi tu sia,quindi siamo alla pari,per me sei uno sconosciuto come io per te;poi a me non importa cosa sia più graze per la legge,a me imorta che chi ci amministra scappi dai suoi obblighi morali e non,e non capisco questa ostinazione a giustificarla spostando i riflettori sul'' c è ben altro''.tu chi sei il suo giullare?

      Elimina
    7. Michele Bianchi20 maggio 2017 18:30

      La tua risposta e indicativa di chi sei e che frequentazioni abituali hai. Non ho niente altro da aggiungere

      Elimina
    8. Sei hai capito qualcosa puoi fare il veggente! ...e lì dove sei ti può essere utile.in bocca al lupo.

      Elimina
    9. Michele Bianchi21 maggio 2017 10:09

      Allora prima dici di non sapere chi io sia poi però conosci il contesto in cui mi trovo. Ano delle 19:08 ti sei un tantino fregato

      Elimina
    10. Fregato? E per che cosa?io non cerco il consenso degli elettori e non mi inchino davanti a nessuno. Ripeto che non ti conosco,pensavi di essere più famoso?

      Elimina
    11. Michele Bianchi22 maggio 2017 00:53

      Ahahahaha che tenerezza

      Elimina
    12. Hai una percezione della realtà più che distorta,cambia mestiere!

      Elimina
  9. Sono l'anonimo delle 13:37. Mi scuso per l'errore (a pagato) la h mi è rimasta nel telefonino

    RispondiElimina
  10. Vi meravigliate per un parcheggio? Ma se questi manco rispettano le sentenze del consiglio di stato?

    RispondiElimina
  11. 13:37 il pra è un registro PUBBLICO, chiunque può andare a vedere a chi appartiene un certo veicolo targato. Se qualcuno ha pensato di spendere 8 euro per fare una visura, ha esercitato un suo legittimo diritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è un legittimo diritto, dopo aver pagato 8 euro, sapere a chi appartiene un'auto non mi sembra altrettanto un legittimo diritto quello di pubblicare il nome del proprietario

      Elimina
  12. Scusami Michele Bianchi....quando la Ubaldi va a far visita nella azienda di Dezi...non e'violazione della privasy? Argano ricordi?

    RispondiElimina
  13. Sonó il proprietario della macchina targata ES082SR ,se quell'mbecille che ha speso 8euro per sapere a chi é intestata la macchina ha il coraggio do farasi Avanti stia tranquillo che uno sputo in un occhio non glielo leva nessuno solo per quanto é imbecille visto che si sapeva che chi guidava la macchina era la Ubaldi
    Sono comunque sicuro che chi lo ha fatto non avra' il coraggio di farai Avanti
    A.Piangerelli

    RispondiElimina
  14. ...e all'alba un duello all'arma bianca giò la marina...

    RispondiElimina
  15. quanti professori. tutti precisini e tutti capaci di criticare gli altri.

    RispondiElimina
  16. Se ce l ha metti un altra volta alle prossime elezioni prendi 600 preferenze.
    Ahahahah

    RispondiElimina